2007/10/20

IL VATICANO MARCIA SU ROMA


IL VATICANO
MARCIA SU ROMA


498 franchisti beatificati
nell’anniversario
della marcia su Roma


Domenica 28 ottobre 2007, anniversario della marcia su Roma, saranno beatificati in San Pietro 498 franchisti, tra appartenenti al clero e laici, saranno beatificati perché, secondo i prelati spagnoli, sono “martiri della Repubblica”. Sarà la più numerosa delle beatificazioni mai realizzate, è prevista una folla di fedeli (filofranchisti) dalla Spagna e il battage pubblicitario delle grandi occasioni sui media italiani.
La gerarchia vaticana con questa azione di massa entra violentemente nel dibattito politico spagnolo: il governo Zapatero sta per varare una legge sulla memoria che condanni il franchismo e la chiesa cattolica spagnola, supportata da Ratzinger, prende posizione in questo modo.
Ma d’altro canto, attraverso questa iniziativa, le gerarchie vaticane continuano a fare politica in supporto al fronte clerico fascista: la scelta della data della marcia su Roma allarga il significato dell’operazione e la colloca nel tentativo sempre più visibile di sdoganamento e legittimazione del fascismo, tentativo operato dall’integralista Ratzinger per affermare un modello di società chiuso e reazionario, patriarcale, omofobico e razzista.
La beatificazione di 498 franchisti presentati come martiri è un esempio vergognoso di revisionismo storico, la strategia vaticana è ancora il vittimismo: si costruisce un’iniziativa per mostrare il clero come vittima di sanguinari comunisti quando la realtà storica racconta che la chiesa fu parte di una reazione fascista che portò in Spagna alla guerra civile e all’ instaurazione della dittatura. D’altra parte in Italia conosciamo bene questa tattica vaticana: negli ultimi mesi si cerca di far passare la chiesa cattolica, gli esponenti del clero e persino i politici che dichiaratamente ne supportano le istanze come vittime di una campagna anticlericale, quando, al contrario, la chiesa cattolica condiziona in modo sempre più palese la vita culturale, politica e sociale del nostro paese e conduce una campagna di istigazione all’odio e alla violenza contro donne, lesbiche, gay e trans che produce aggressioni, stupri, omicidi e diffusa intolleranza.
Dall’operazione revisionista che verrà celebrata domenica 28 ottobre esce rafforzata la marcia del dissolvimento della laicità (voluto dal Vaticano e operato dalla politica istituzionale) e la fascistizzazione della società, basata sulla creazione della paura e sulla caccia alle streghe dello scontro di civiltà; ne fanno le spese, ancora una volta, tutte le soggettività non conformi al modello unico dominante, la verità storica, l’antifascismo fondamento del nostro vivere civile.

Coordinamento Facciamo Breccia

1 commento:

Antonio DL ha detto...

Ho studiato e vissuto per un anno in Catalogna, una delle parti della Spagna che più duramente ha subito il franchismo e che con la Chiesa romana ha sempre avuto un rapporto difficile (vedi repressione dell'eresia deo Catari). Tengo contatti con persone del luogo e mi sono appassionato della storia di questa terra di libertà. Devo però sottolineare, ad onor del vero, che effettivamente alcune frange del movimento repubblicano che lottava contro Franco si sono macchiate di crimini orrendi contro religiosi e religiose, mi riferisco in particolare a stupri frequentemente perpetrati nei confronti delle suore, oltre che omicidi, violenze ed altre amenità tipiche delle guerre civili. Diciamo che bestialità sono state commesse su entrambi i fronti, e sarebbe stato corretto da parte della Chiesa porre l'accento sulle vittime della violenza di entrambi i fronti. Come sarebbe stato corretto da parte vostra ricordare che quelle 498 persone (tra le quali molte donne) dopotutto sono state anch'esse vittima di violenze gravi che vanno condannate da ovunque esse provengano. Non prestatevi allo scontro di civiltà.
Con stima.