2007/12/30

Appello - risposta a Giuliano Ferrara sulla moratoria contro l'aborto

Monia Andreani, Olivia Guaraldo, Francesca Palazzi Arduini, Emma Schiavon ci scrivono:

Care amiche e cari amici,

di fronte all’ennesimo attacco mediatico alla libertà delle donne mosso da Giuliano Ferrara e da Il Foglio, abbiamo preparato una risposta che è anche un appello vi chiediamo di leggere e se siete d’accordo di aderire inviando una email all’indirizzo andremonia@genie.it, il nostro intento è di raccogliere più firme possibile e poi inviarlo alla stampa nazionale come forma di risposta collettiva, possibilmente prima della fine dell’anno, consapevoli che la retorica finto buonista verterà anche su questo punto.

Grazie e Buone Feste, le promotrici!


Dead women walking

Il patriarcato da bar è il modo più semplice che ha il simbolico patriarcale e maschilista di fare presa e di riprodursi all’interno del discorso comune, della chiacchiera riportata e non ragionata, dello stereotipo senza argomentazione e logicità. Tutto questo si ritrova nell’ultima idea di Giuliano Ferrara, quella di prendere adesioni per una grande moratoria sull’aborto. Ma nell’intento di aprire nuovamente questo discorso stantio c’è anche la malafede di coloro che fanno di ogni discorso un’arma politica contro l’avversario per cui, con il PD debole sulla bioetica e di fronte ad una bella figura internazionale del governo ottenuta con il voto all’ONU sulla moratoria per la pena di morte, Ferrara e altri hanno deciso di strumentalizzare l’aborto per aumentare i malumori nel governo e sperare in un cedimento sui nodi scoperti.


Siamo davvero stufe che i nostri corpi e le nostre vite vengano invase da discorsi opportunistici e di bottega. Ci appelliamo a Giuliano Ferrara perché rivolga la sua crociata altrove: mai pensato di diventare animalista? La questione della libera scelta della maternità non deve più essere argomento su cui imbastire lotte per poltrone e potere politico.


Utilizzare la moratoria sulla pena di morte per fare un parallelo con l’aborto è arrampicarsi sugli specchi. Infatti non c’è nesso logico tra una decisione che per legge uno Stato prende per togliere la vita di qualcuno che è nato ed ha diritti anche se ha commesso qualche grave delitto, e la decisione di una donna di far nascere, amare e crescere un figlio o di non poterlo fare per motivi che riguardano le sue singole e personalissime decisioni di vita e di coscienza. Già lo Stato italiano si è arrogato diritti di decisione per parte delle donne, ponendo limiti alla libera maternità attraverso le limitazioni imposte dalla 194 e con il diritto all’obiezione di coscienza, e decidendo per noi su quando e come avere dei figli o non averne. Si è raggiunto il paradosso della Legge 40 del 2004 con la quale lo Stato ha preso chiara posizione su come bisogna che noi donne abbassiamo la testa alle decisioni degli altri, a decisioni ideologiche e di principio, perché non possiamo scegliere liberamente di avere dei figli neanche in caso di problemi di sterilità.


Il femminismo italiano, come ha ricordato Adriana Cavarero intervistata da Il Foglio, ha già ribadito che sul corpo e sulla sessualità, sulle decisioni di vita delle donne non si deve legiferare, pertanto nessun appello ad un “diritto universale” a favore di ipotetici nascituri può permettersi di andare a contrastare con il diritto di autodeterminazione (autonomia) e di libera scelta che è tra l’altro anche uno dei fondamenti della bioetica, e che spetta a ogni donna. Il dibattito dovrebbe essere posto sul versante dell’etica della responsabilità che deve coinvolgere le donne e gli uomini in ogni parte del mondo, per una decisione matura rispetto alla nascita di un figlio che è un progetto di vita, un impegno fondamentale perché questo nuovo nato abbia possibilità di una vita felice e sviluppare tutte le sue potenzialità. E non funziona neppure l’argomentazione che vuole le donne vittime di una selezione delle nascite in paesi considerati meno civili di quelli europei, questa tragica piaga infatti non si vince con un’ipotetica imposizione statale alla nascita ma con il miglioramento delle situazioni economiche delle donne e con i diritti politici effettivi dati alle donne. Solo così e con una cultura dell’autodeterminazione le donne di questi paesi saranno libere di scegliere quanti figli avere, e solo se non saranno costrette a mandare le loro bambine a prostituirsi o a venderle come spose bambine, allora la nascita delle loro figlie sarà una gioia e non un dolore mortale.


Noi donne, di nuovo trattate pubblicamente come contenitore da maneggiare in talk show abbiamo ora il compito di gridare forte non solo il nostro NO a queste strumentalizzazioni. Dobbiamo pubblicamente rifiutare il ruolo di “dead women walking” che vogliono appiopparci, perché in questo gioco mediatico siamo noi le sottoposte a pena di morte simbolica.


In questa società nella quale il diritto alla vita è sempre più messo in pericolo, e non certo per le scelte della popolazione femminile ma semmai per la cultura scellerata maschilista che ci considera proprietà del marito, del fidanzato, del padrone, dello Stato, noi donne dobbiamo rivendicare la nostra responsabile autodeterminazione.


Ci chiediamo infine come mai lo pseudo-neo-tomista Giuliano Ferrara non abbia invocato gli universalissimi principi della vita e della difesa degli innocenti quando volenterosamente il suo governo appoggiava – quella sì - la silenziosissima strage di innocenti in Afghanistan e Iraq. C’è da chiedersi infatti come mai il realismo politico di certi maschi rimanga tale per quanto riguarda la guerra – ultima e preziosissima ratio della politica di cui solo loro colgono l’essenza – e si trasformi in un melenso idealismo che difende i feti quando si tratta del corpo femminile. Ferrara – e molti uomini con lui - è realista e cinico quando si tratta delle bombe in Iraq, diventa idealista e mistico quando si tratta del corpo delle donne.


Che dire infatti di quei bambini carbonizzati dalle bombe al fosforo bianco lanciate sull’Iraq dagli aerei americani: innocenti forse non lo erano più per il fatto di essere venuti al mondo dalla parte sbagliata? Perché ci fu il silenzio, allora, su quella vera e propria strage di innocenti - vivi e coscienti - avallata dall'occidente? Quello è sì uno dei tanti crimini contro l’umanità passati sotto silenzio per il quale le madri gemono e continueranno, inascoltate, a gemere.



Monia Andreani, Olivia Guaraldo, Francesca Palazzi Arduini, Emma Schiavon
Seguono adesioni (per aderire inviare una email all’indirizzo andremonia@genie.it )

3 commenti:

Monique ha detto...

Sulla possibile revisione della l.194, e in generale sull'inesorabile declino dell'Italia civile, vorrei condividere con voi un saggio uscito in rete ieri, che nel piattume intellettuale odierno spicca per intelligenza e lucidità.

Difendere la legge 194, a ogni costo
di Giuseppe Genna

Dunque, nell'avanguardia della decadenza italiana, nella culla della sua dissoluzione, cioè nella Milano che guida il mostro lombardo, ci si prepara a "nuovi limiti all'aborto terapeutico, vietato dopo la 21esima settimana (o, tutt'al più, dalla 22esima e 3 giorni). Non solo: l'interruzione di gravidanza per motivi di salute della donna vincolata al via libera di un'équipe di specialisti (tra cui, eventualmente, anche uno psichiatra). E il divieto dell'aborto selettivo in una gravidanza gemellare in assenza di reali problemi fisici o psichici della paziente" (così il Corsera di oggi).
Una Regione che è stata occupata nei ruoli chiave da Comunione e Liberazione, con particolare metodica nei settori della sanità e dell'educazione, annuncia cosa sta per scatenarsi nel Paese: la revisione dall'alto della legge 194, una conquista di civiltà che, secondo il cardinale Ruini, siccome data trent'anni, dovrebbe "essere rivista". Rivista: si tratta infatti del più pernicioso revisionismo. Poiché il referendum sulla Repubblica data cinquantun anni, a maggior ragione andrebbe rivisto. Si torni alla monarchia...
C'è poco da ridere, in realtà: è la vigilia di un abominio, che si sta preparando con scientezza da anni e che si realizza nella fase di più grave crisi civile, sociale, politica e di ideali di tutta la storia democratica italiana. Sia chiaro: a confronto di quanto sta accadendo in questi anni, qualunque scossa pregressa alle fondamenta del Sistema italiano ha l'intensità di una carezza rispetto a quella di un sisma del decimo grado.

Le libertà collettive stanno subendo un processo di revisione a partire dal Parlamento (o dalle giunte regionali che, non essendo autonome, si comportano come se lo fossero), nello spregio della Costituzione e delle conquiste popolari che hanno sancito referendum decisivi e storicizzati, dai risultati acquisiti nel segno della libertà di coscienza. Ciò significa concretamente: le coscienze sono in pericolo, la vita civile è al collasso, la violenza invisibile retaggio del passato è alle porte. Hanno cominciato dall'economia, hanno travolto la pedagogia, e adesso minacciano direttamente i diritti della donna.
La legge 194 sull'interruzione di gravidanza è l'ultimo bastione dell'eventuale esistenza di una collettività orientata alla libertà e alla garanzia degli ideali democratici.
Siamo prossimi al crollo definitivo della nazione che abbiamo conosciuto e per la quale sono state condotte lotte e raggiunte conquiste di ineliminabile progresso.
Ciò che sta accadendo in questi giorni, in questi mesi, in questi anni, sancisce la prossimanza a questo drammatico punto di non ritorno. Prima di affrontare il problema della revisione della legge 194, ecco uno specchio sommario, a volo d'uccello, della situazione italiana - contesto indispensabile per comprendere cosa è accaduto e cosa sta per accadere:

- La politica è in fase paradossale: non esiste più una differenza consolidata e certa tra destra e sinistra, e il parlamentarismo sta mostrando il suo lato più debole, corrotto, interessato all'autopreservazione; al tempo stesso, non è mai esistito un desiderio tanto intenso, da parte dei giocatori parlamentari, di intrudersi nella vita vissuta del popolo italiano, mediante continui richiami a riforme radicali, che sfigurano l'identità della libera circolazione delle coscienze e dello spazio decisionale comunitario e individuale.
- Ciò è dovuto alla sciagurata decisione del medesimo popolo italiano che, non capendo assolutamente un cazzo di sistemi elettorali, votò nel '92 sull'onda dell'emozione mediatica il "rinnovamento" elettorale proposto da Mariotto Segni col suo referendum, ingollando la pillola bipolarista della riforma uninominale, che ha condotto all'attuale situazione. E' lì, nel 1992, che si pone lo snodo decisivo di quella che non esito a chiamare "decadenza italiana", nonostante abbia da sempre in disprezzo le istituzioni del Paese in cui vivo e le modalità con cui esse hanno obbligato a viverci. In quella fase viene eliminata la Democrazia Cristiana, sotto la spinta delle inchieste legate a Mani Pulite (su cui bisognerà intervenire con ricerche storiche, a partire dal fatto che nell'87 inchieste equivalenti erano state insabbiate). L'eliminazione della DC lascia la Chiesa senza referente politico: maturerà, la Chiesa stessa, la decisione di intervenire direttamente nella vita del laico Stato italiano. E' nel 1992 che il freno politico al berlusconismo trionfante, cioè il politico Craxi, viene gioiosamente fatto fuori, per l'esultanza delle sinistre, che nemmeno immaginano cosa succede di lì a poco: tolta la maschera, Berlusconi ci mette direttamente la faccia. Con danni abnormi per il vivere collettivo. E' lo stesso problema dell'intrusione della Chiesa: senza referente politico, è essa stessa a esprimere e pressare; senza referente politico, è Berlusconi stesso a governare.
- L'Italia cade in un declino economico e in una stagnazione di mercato per i quali sono imputabili politiche di privatizzazione scellerata nei Novanta: una svendita a basso prezzo dello Stato. Penetra, tuttavia, l'idea paradossale che un Paese equivalga a un'azienda.
- Si recepiscono senza discutere le politiche comunitarie più abiette, quali quelle relative alla flessibilità e all'intensificazione del precariato, con l'innalzamento esponenziale dell'ansia collettiva. Ciò non accadde dopo la sconfitta al referendum sulla scala mobile: semplicemente perché fu Craxi, ottenuta la vittoria sul PCI, a fermarne l'applicazione, che fu invece introdotta dal governo Amato, a Craxi pencolante.
- Cresce a dismisura la spettacolarizzazione: categoria politica che contagia la sinistra, grazie a un sistema elettorale che si sostenta di quella, sia su scala nazionale sia su scala locale. La sinistra diviene riformista e tutto ciò che non va nella direzione vorace e speculativa delle "riforme" è tacciato di massimalismo, come se il massimalismo fosse un insulto.
- Con le destre al potere, non esistendo più il freno politico dato dall'equilibrio DC-PSI, mutano i costumi, vengono adottate politiche sempre più restrittive della libertà di espressione (si veda l'apparato legislativo sulla diffamazione e l'incremento di cause derivantene: si tratta, si badi, di reati di opinione). Tutto l'irrisolto nazionale, cioè almeno un decennio e mezzo, è sottoposto a un feroce revisionismo, che sfiora la sete di vendetta. Il revisionismo attacca addirittura le fondamenta dello Stato. si revisiona la storia partigiana, si revisiona il referendum sulla democrazia. Vengono occupati posti chiave e le "riforme" prendono corpo: a partire da quello che da sempre è stato il laboratorio di prova italiano, cioè la Lombardia, dove, sotto il governo ormai eterno di Roberto Formigoni, si occupano strategicamente i settori della sanità, con una riforma che fa sì che a Milano diventi quasi impossibile curarsi col sistema pubblico, e le scuole si mutino, oplà, in aziende, con crollo relativo dei livelli di educazione.
- La Chiesa lancia le sue battaglie per la famiglia, fottendosene delle famiglie: è lo stesso processo di ipocrisia che conduceva ai tempi certi privilegiati a ottenere l'annullamento del matrimonio dalla Sacra Rota. In occasione della proposta di patti di convivenza che siano legalmente identici tra unioni eterosessuali e omosessuali, al Family Day organizzato da Ruini in persona sfila una teoria imbarazzante di sostenitori, politici di primo piano: gente separata, segretari di partito che convivono dopo avere divorziato, ex premier con amanti conclamate mentre consumano le seconde nozze, un ex fascista a difesa del "fondamento della società" e che da lì a pochi mesi vede nascere una bambina dall'amante televisiva e sfascia il proprio nucleo familiare.
- Sulla questione delle cellule staminali, la battaglia lanciata da Ruini è ai suoi livelli più elevati. L'Italia rimane indietro perfino quanto alla genetica, campo in cui eccellerebbe se non fosse in atto un piano di dismissione della ricerca d'avanguardia.
- Nessun controllo statale tutela i cittadini dagli indiscriminati aumenti che devastano il bilancio delle famiglie italiane dal giorno successivo all'introduzione dell'euro. I prezzi raddoppiano: e accade in Italia più che altrove. I salari non raddoppiano affatto il potere d'acquisto. Cresce un malcontento generalista, spettacolarizzato, non incanalato da alcun massimalismo politico, poiché il massimalismo e la lotta ideologica sono ormai un insulto - è questa la vittoria della spettacolarizzazione, che in termini più semplici significa non avere più voglia di pensare a un cazzo e avere solo il desiderio di ruminare cazzate, come dimostra l'incremento di interesse per casi apicali di cronaca nera, sempre più frequenti e sempre più proposti come referendum degni di una plebaglia in attesa che cali la ghigliottina in Place de Grève.
- In tale modo è compiuta la trasformazione dello zoccolo duro dell'impegno in zoccolo duro del forcaiolismo più bieco, del tutto connaturato al DNA italico, e che è un elemento di disgregazione civile in passato temperato dal sistema partitico e dalle ideologie correnti ai tempi, mentre ora è viscerale, privo di freni e favorito dal sistema politico, il quale sembrerebbe esserne la vittima sacrificale, mentre ne è l'intascatore principale in termini di esiti e di plasmabilità della pubblica opinione. Dalle denunce virulente di Travaglio all'esplosione transitoria ma assai radicata della protesta lanciata da Grillo il passo non è breve: non c'è proprio il passo.
- L'aumento di insofferenza, voluto e deliberato e realizzato in questo modo nell'arco di un decennio, colpisce gli strati deboli della società, innalza l'odio e il razzismo nei confronti della popolazione immigrata nel Paese, fa andare alle stelle la violenza invisibile nei confronti dei soggetti più fragili e a rischio: bambini e donne. L'incredibile ondata di razzismo, popolare e parlamentare e financo legislativo che è stato denunciato nell'appello lanciato con la sigla Triangolo Nero, in occasione dell'autentica caccia al rumeno, è la più recente ed eclatante manifestazione di un sentimento indotto a livello massivo e latente nel corredo genetico italiano.
- La psicofarmacologia esplode, portando l'Italia in vetta ai Paesi consumatori di psicofarmaci nel continente. Crolla qualunque paradigma di cura umanistica. l'umanismo crolla ovunque. L'impegno è azzerato. Nella scienza, nella ricerca, nelle università, nel lavoro, perfino nella stessa industria culturale: la cultura è levata di mezzo quale variabile sostanziale del vivere civile di una nazione.
- Il Paese va in guerra, ma nessuno viene avvertito che è in guerra.
- Gli enti locali investono i fondi statali stanziati in Finanziaria nelle bolle dei derivati: è vietato dalla legge, si creano casi drammatici come quello del Comune di Milano, che perde cifre improponibili, investimendo su bond e future.
- L'effetto paradosso è continuo. C'è un diffuso ritiro della delega di rappresentanza parlamentare, ma cresce l'affluenza alle urne: qui il paradosso è tutto spettacolare, poiché il bipolarismo italiano è ormai un derby calcistico, non una scelta tra programmi.
- Con l'elezione al soglio pontificio di Joseph Ratzinger, l'attacco alla laicità dello Stato raggiunge vertici inaccettabili - ma ormai non esiste alcun soggetto politico di stazza che si opponga a questa indebita intrusione. Tutto ciò mentre la Chiesa perde in Italia fedeli e vocazioni. Votata al principato della dottrina morale anziché di quella metafisica, la Chiesa diventa ciò che diventa sempre il portatore di un'istanza morale: diventa un'entità politica. Il che, sia chiaro, è sempre stato, tranne brevi periodi, per almeno milletrecento anni.

Questo, il quadro.
Questo, il Paese.
In un simile contesto non sorprende affatto che il valore del passato, delle lotte per le le libertà individuali e collettive che in quel passato furono condotte, delle vite spese a strappare conquiste che appaiono ineliminabili a qualunque buon senso - tutto ciò, dico, vada a catafascio. La smania revisionista, a cui si sono aperte le porte in questi anni, ha in mente nuove "riforme": le "riforme" delle "riforme" più progressiste. Da anni è in pericolo la legge Basaglia. ma è chiaro da almeno un decennio che l'obbiettivo ultimo è la legge 194.
Sostenere che l'obbiettivo ultimo è la Legge 194 significa sostenere che l'obbiettivo ultimo è la libertà di scelta della donna: l'obbiettivo sono le donne. Con la riforma indebita e autonoma che il governo della Lombardia sta introducendo, assisteremo a donne che viaggeranno in nosocomi di altre regioni per interrompere la gravidanza dopo la ventiduesima settimana. Poiché si tratta di una prova in modello, pronta a estendersi a livello nazionale mediante modifiche di legge approvate parlamentarmente, i cittadini e le cittadine italiane si troveranno in questa duplice e sequenziale situazione: l'impossibilità di decidere se queste modifiche sono eque e volute da quello che dovrebbe essere il popolo italiano; quindi, si troveranno a dovere espatriare per praticare l'interruzione di gravidanza o a trovare medici conniventi, con tutti i rischi che l'ondata degli aborti clandestini provocò prima della vittoria nel referendum del 1981.
E' questo che gli italiani vogliono?
Nei prossimi mesi, sarà la legge sull'aborto il banco di prova dell'esistenza o meno di una coscienza civile nazionale, tesa a preservare il valore e l'effettività di libertà conquistate, in uno Stato che non è confessionale ma laico. Si tratta di una battaglia che non concerne la politica, non concerne il nichilismo o il relativismo denunciati da quello scomodo ospite capitolino che è il microStato vaticano: concerne le donne. La scelta è loro e deve essere mantenuta tale. Nessuno può arrogarsi il diritto di sostituirsi alla libertà di coscienza di una donna. Libertà di coscienza che va esercitata in un momento delicatissimo a livello collettivo e a proposito di un momento delicatissimo a livello coscienziale: non conosco una donna che abbia praticato un'interruzione di gravidanza uscendone felice, contenta, euforica e gioiosamente spensierata da una simile sofferta esperienza.
Dall'81 gli aborti sono in costante calo. Le cifre e la scienza non aiutano però quando il sordo non vuole ascoltare. Non c'è discussione di bioetica che tenga. Da una parte, sono schierati i revisionisti con le loro ragioni tomistiche, con i loro articoli di fede fuori dalla storia e per nulla metafisici ma del tutto secolari, con le loro linee di principio che appartengono alla propria confessione che (a differenza di tutte le metafisiche) sostiene di essere detentrice dell'unica verità e che non sa nemmeno cos'è la vita mentre propaganda la difesa della stessa, a costo della perdita di pietà (qui svetta, su tutte le altre vicende, quella dei funerali negati a Piergiorgio Welby: una delle decisioni più vergognose della Chiesa cattolica contemporanea) e dunque della perdita di amore; dall'altra parte non c'è nessuna confessione e nessuna ideologia: ci sono le donne e c'è la loro libertà in pericolo.
E' auspicabile che, a fronte di una battaglia tanto decisiva, le donne e gli uomini italiani recuperino un poco di dignità, di rispetto per se stessi e per il proprio futuro, e si mobilitino massicciamente per difendere i diritti acquisiti - che questa volta sono decisivi. Dei dané possiamo fare a meno - della libertà, no.

http://www.carmillaonline.com/archives/2008/01/002499.html

Babs ha detto...

Grazie mille!

AAA Copywriter ha detto...

Non sono necessariamente d'accordo con le vostre argomentazioni, ma sono sicuramente e irriducibilmente a favore della libertà di scelta e della libertà tout court.

Alex