2002/10/23

Contributi all'assemblea del 28/10/2008

Clicca su "commenti" per lasciare un contributo, materiali, informazioni utili all'assemblea della rete delle donne che si terrà martedì 28/10/2008 alle 20.30 in Via San Felice 24.

Odg:
  • Linee guida regionali 194
  • MANIFESTAZIONE NAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE:
- piattaforma politica
- iniziative della settimana precedente
- raccolta fondi/ autofinanziamento
  • Varie ed eventuali

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Prima stesura di una possibile lettera ai giornali (grazie Patricia):

Al direttore di Repubblica/L'Unità/Manifesto ecc.

Siamo di nuovo qui a ripetere "NO AGLI SCAMBI POLITICI SUL CORPO DELLE DONNE" come nel 2001 con la vicenda di Zola Predosa, quando riuscimmo a far fallire il progetto dell'amministrazione comunale di allora, di inserire nei consultori le associazioni cattoliche antiabortiste cui addirittura si voleva attribuire un finanziamento pubblico per la benemerita opera.
Perché ricordare questa che fu una lotta decisa, durata a lungo, con una manifestazione nazionale a Bologna?
Intanto la memoria serve a tutte e tutti per non disperdere esperienze che pur se collocate in un periodo molto diverso e con vicende politiche meno laceranti e meno sfavorevoli per tutte e tutti, sono utili almeno per constatare che non bisogna assolutamente "abbassare la guardia".
Le motivazioni squisitamente politiche che stavano alla base di un esperimento come quello di Zola Predosa che fu seguito poi dalla bozza di linee guida regionali sulla 194 e i consultori (fotocopia di quelle ripresentate ora da Bissoni), sono tuttora molto presenti nei progetti di politici che non esitano a sacrificare la libertà e l'autodeterminazione delle donne, d'altra parte non nascondiamoci che forse questa consapevolezza delle donne e la difesa a oltranza della propria libertà disturba i manovratori.
La deferenza nei confronti delle gerarchie vaticane è diventata insopportabile, l'aborto è tornato ad essere una colpa o se del caso un dramma, non sfiora nessuno l'idea che si tratta invece di esercitare una scelta autonoma sul proprio corpo che nessuno deve mettere in discussione.
Nessuno parla del fatto che una gravidanza è il frutto del rapporto sessuale fra due soggetti, uno maschile e uno femminile mentre solo alle donne si fa riferimento parlando di prevenzione dell'interruzione di gravidanza.
Riteniamo che la prevenzione si faccia con l'educazione al rispetto fra i sessi e promuovendo la pratica della contraccezione (principale compito dei consultori) e la costruzione di una cultura basata sulla parità fra i sessi per quanto riguarda il ruolo nella società, libero nelle scelte per entrambi i sessi, senza il destino coatto della maternità per le donne che nessuna politica demografica dovrà o potrà più confinare alla casa e all'allevamento dei figli come attività prevalente, è questo che vorremmo facesse la politica.
Lavoriamo per politiche di parità di tipo economico, politico e sociale e le donne che lo desiderano spontaneamente metteranno al mondo figle figli, decidendolo autonomamente, questo è dimostrato da quanto avviene nei paesi più avanzati in termini di parità fra uomo e donna.

Anonimo ha detto...

Dalla Rete Sommosse sull'assemblea nazionale e sul 22 novembre:

ciao a tutte,
ieri a Roma nella casa internazionale delle donne si è svolta l'assemblea nazionale della rete sommosse.la partecipazione si aggirava intorno alle 100 donne da molte città d'italia tra cui: roma, bologna, milano , palermo , bari , trieste, firenze, e altre che sicuramente mi sfuggono .
l'assemblea ha deciso di indire una manifestazione nazionale a roma il 22 novembre 2008 contro la violenza maschile .
non siamo riuscite a produrre un report in breve tempo ma abbiamo tutti gli interventi e chi vuole li può richiedere in rete.
per questo elencherò brevemente i punti decisi per la piattaforma che verranno sviluppatti da un picccolo gruppo di lavoro rappresentativo delle realtà locali, e mandato in rete al più presto .per essere approvato nel giro di 3 gg.
quindi per punti:
antifascismo, antirazzismo, antisessismo
antimilitarismo
contro la violenza maschile su donne e lesbiche
contro la violenza in famiglia
contro il femminicidio
contro la violenza istituuzionale. riforma scuola e università, lavoro , ddl carfagna
contro la criminalizzazione della prostituzione
contro la violenza transfobica.
per l'autodeterminazione e la libertà di tutte

l'assemblea ha ribadito più volte l'autonomia del movimento da partiti e sindacati, e l'autorappresentazione in piazza.
per questo il corteo avrà le stesse caratteristiche dell'anno scorso . cioè uno spezzone separato di sole donne e lesbiche ( per capirsi) e dietro quegli uomini che si sentono così solidali da non poter fare a meno di scendere in piazza.
la manifestazione sarà di donne per le donne( anche se questa dizione non convince moltissime di noi)


ci sono proposte sullo striscione di apertura
quello con più consensi è stato : contro la violenza maschile , inseme libere e indecorose ( Corregetemi se sbaglio
..
un abbraccio a tutte
buon lavoro ..

Orgogliosamente indecorosa
Fabiola

Luki Massa ha detto...

Nelle varie ed eventuali metterei anche: manifesto manifestazione, divulgazione, ecc
Ho fatto alcune bozze del manifesto martedì ne discutiamo.
ciao
luki